Crea sito

Blog di Emanuela Katia Pilloni

La memoria è lo scriba dell'anima.

S’ogu pigau

Sa mascia de s’ogu.     Brutta malattia, l’invidia. Vizio capitale, addirittura, i cui “portatori” pur collocati da Dante nella seconda cornice del Purgatorio, soffrono le pene degne dei peggiori gironi infernali girovagando con le palpebre cucite, elemosinando pietà: “..E come a li orbi non approda il sole/ così a l’ombre quivi, ond’io parlo ora/ luce del ciel di sé largir non vole.”....

Read More

L’epifania e i tre volti della Dea.  

    Impersonificazione dell’ultimazione del compimento, del perfetto più che della perfezione, il tre è il numero divino per eccellenza, ben prima della Santissima Trinità cristiana. Per questo il culto della Grande Madre è stato declinato sempre in tre epifanie divine pur mantenendo intatta l’unità del Nume. Fu la parthenos Diana/Artemide, la materna Demetra e la vegliarda Ecate, ma...

Read More

La Pasqua dell’agnello

  “Sceglietevi e prendetevi degli agnelli per le vostre famiglie, e immolate la Pasqua. E prendete un mazzetto d’issopo, intingetelo nel sangue che sarà nel bacino, e spruzzate di quel sangue che sarà nel bacino, l’architrave e i due stipiti delle porte.. Poiché l’Eterno passerà per colpire gli Egiziani… E quando sarete entrati nel paese che l’Eterno vi darà, conforme ha promesso,...

Read More

Su Santuanni e la barca di San Pietro

Un’antica tradizione isolana vuole che un San Pietro adirato per il protrarsi delle celebrazioni in onore di San Giovanni, mieta ogni anno almeno una vittima in occasione della sua festa il 29 Giugno. Ed un rapporto molto stretto ed enigmatico lega questi due pilastri della cristianità, a partire dalle date scelte per la loro ricorrenza il 24 ed il 29 Giugno. Santu Giuanni. Le porte solstiziali,...

Read More

Su Capuddanni e l’antico calendario Sardo

Settembre – non Maggio – è il mese dedicato alla Madonna, almeno in Sardegna. Il culto dell’acqua. L’antica divinità delle acque nel sincretismo religioso locale fu assimilata ben presto alla Madre di Dio. Dalle sorgenti ai ruscelli, dalle fontane ai fiumi, frequentissima è la presenza di simulacri della Madonna in relazione al liquido salvifico: la Beata Vergine delle Acque o Santa...

Read More

Frastimus, origini ed etimologia

In Sardegna, si fulmina con gli occhi e si uccide con la bocca. Sa lingua ferenosa e s’ogu pigau sono le banalizzazioni popolari di una sapienza antica che trascende la scienza e si colloca nel limbo dell’immaginario reale. L’ineluttabilità del fato è necessariamente legata alla dimensione profetica della parola: la consapevolezza del parlare in nome d’altri ha reso...

Read More

Arrisu cun craxiou ovvero il “sardanios ghelos”

Duro e pronto a creparsi nel repentino volgere di un attimo come s’anniada arrutta a terra e squartarada. Maschera che cela dolore, angoscia o disappunto; smorfia di irrequietezza sempre in bilico tra ilarità e inquietudine. Ma anche un riso amaro, che vaticina la morte designata, simile a quello de is crabittus o de is angionis de pasca. Tutto questo è s’arrisu cun craxiou. Un’espressione...

Read More